Ti trovi qui:

Home

News

21/04/2011

Eros e medioevo nei Carmina Burana

la Città, 21/04/2011

Salerno. Dopo il grande successo riscosso da "I Puritani" di Vincenzo Bellini, opera con la quale il maestro Daniel Oren ha voluto inaugurare quest’anno la stagione lirica del Massimo cittadino, sabato 30 aprile si apre con i "Carmina Burana" di Carl Orff la sezione dedicata invece alla musica sinfonica.
A dirigere il capolavoro del compositore tedesco Carl Orff, ci sará il maestro Ariel Zuckermann, che guiderá l’Orchestra Filarmonica Salernitana "Giuseppe Verdi", il Coro del teatro dell’Opera di Salerno (diretto da Luigi Petrozziello) ed il coro delle "Voci Bianche" del Verdi (diretto da Silvana Noschese).
I solisti in scena, il controtenore Matthias Rexroht, il soprano Mina Tasca Yamazaky, il baritono Dietrich Henschel, sono tra gli artisti più accreditati nel panorama musicale internazionale.
L’opera, sicuramente la più conosciuta e rappresentata del genio bavarese, fu composta tra il 1935 ed il 1936, in pieno periodo nazista, e nonostante il grande successo riscosso fin dalla prima rappresentazione al teatro di Francoforte nel 1937, fu osteggiata da Hitler, per il tono reputato fortemente erotico di alcuni canti in essa contenuti.
"Carmina Burana", basata su ventiquattro poemi tra gli oltre duecento trovati nei testi poetici medievali omonimi, da cui Orff trasse un atto unico in lingua latino-tedesca, è formata da un "Prologo", cinque parti ed il finale.
Nei "Carmina Burana" Orff ha voluto musicare il Medioevo più variegato e colorato, fatto di luci ed ombre, mescolando sacro e profano. Infatti il fascino maggiore dell’opera risiede nel suo estremo vitalismo, tanto inviso al regime nazista.
Certamente il canto più conosciuto è quello di apertura, "Fortuna Imperatrix Mundi", che è stato ripreso in epoche recenti da diversi registi (Pier Paolo Pasolini in "Salò o le 120 giornate di Sodoma" del 1975) e musicisti (come Michael Jackson nel 2009), che lo hanno inserito nelle colonne sonore dei loro film.
Al Verdi è prevista un’unica rappresentazione per sabato 30 aprile alle ore 21. I biglietti per la platea costano 70 euro. Per informazioni è possibile contattare il botteghino del teatro al numero: 089- 662141.
Il prossimo appuntamento è con la "Tosca" di Giacomo Puccini. Il melodramma in tre atti su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica andrá in scena il 12, 15 e 18 maggio.

Paola Primicerio

la Città, 21/04/2011 http://ricerca.gelocal.it

 


teatro